mercoledì 23 settembre 2020
26.06.2012 - Alice Borutti

Casa al Colosseo di Scajola: udienza rinviata a ottobre

Si conclude con un rinvio al 16 ottobre la prima udienza a Roma per il processo che vede imputati Claudio Scajola e l'imprenditore Diego Anemone per il famoso appartemento pagato "a sua insaputa" in via del Fagutale a Roma con vista sul Colosseo. Il rinvio è stato motivato da impegni improvvisi del giudice monocratico in un altro processo.
L'accusa per i due imputati è di concorso in finanziamento illecito a un parlamentare, secondo il P.M. Diego Anemone avrebbe versato 1milione e 100mila euro con il tramite del suo dipendente Angelo Zampolini, architetto, alle sorelle Papa, proprietarie dell'appartamento mediante assegni circolari, mentre Scajola avrebbe pagato i restanti 600mila euro all'atto di stipula della compravendita davanti al notaio il 6 luglio del 2004.
L'indagine dalla quale venne alla luce questa compravendita è quella sugli appalti per il G8 alla Maddalena, poi trasferito all'Aquila, scandalo che travolse il capo della Protezione Civile Guido Bertolaso e l'ex presidente del Consiglio Superiore dei Lavori pubblici Angelo Balducci

Sempre Anemone secondo l'accusa avrebbe ulteriormente foraggiato Claudio Scajola accollandosi i lavori di ristrutturazione della stessa casa per circa 100 mila euro e compiuti attraverso la manodopera di tre ditte a lui riconducibili.

Nella lista dei testimoni depositata dalla difesa dei due imputati figurano le due venditrici, le sorelle Papa e Lory del Santo, celebre inquilina dell'ultimo piano dello stesso stabile, balzato agli onori delle cronache prima del 2010 grazie al tira e molla con il Comune di Roma per il gazebo della soubrette.

Il processo potrebbe giocarsi sui termini di prescrizione del reato nel 2014. 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo