venerdì 15 novembre 2019
09.11.2011 - Donatella Lauria

Imperia, abbandona i figli, dopo 18 anni condannato a 350 mila euro di risarcimento

Dopo 18 anni di indifferenza nei confronti dei figli, il tribunale di Imperia accusa un uomo di Imperia ad un maxi risarcimento

Diano Borello - Aveva due famiglie a carico, 18 anni di menzogne e  due figli lasciati senza affetto né aiuti  economici del padre. Sembra la storia di una fiction a puntante e invece è quela reale di Orietta Comignani.
La donna, residente a Diano Borello, vent'anni fa aveva avuto una relazione con un uomo, che le aveva dato due figli. Il compagno, oggi sessantenne, l'aveva poi abbandonata, andando a vivere ad Imperia e costruendosi una nuova vita. Nonostante avesse riconosciuto i due figli avuti con la Comignani, non li ha ma sostenuti economicamente, ignorandoli completamente.
Il tribunale di Imperia lo ha condannato l'altra mattina a un maxirisarcimento che ammonta a 150mila euro per un figlio e 200euro per l'altro. Soldi che di certo non cambieranno la vita ai ragazzi ma che rappresentano l'emblema dei loro diritti negati.
Le motivazioni della sentenza: "Il tribunale ha riconosciuto i danni provocati dalla mancanza della figura paterna, in particolare, sottolineando che la natura genitoriale non si esaurisce nell’atto procreativo ma implica il dovere di guidare i figli nel loro percorso psicofisico, nello sviluppo e nella maturazione, identificando la nozione di educazione nella più ampia accezione di attività, di intenti e condizioni che favoriscono il pieno sviluppo della personalità del minore. I fondamenti giuridici di questa decisione del tribunale vanno ricercati nell’articolo 30 della Costituzione e negli articoli del codice civile. La combinazione di questi fattori integra secondo il giudice un illecito e, quindi, il diritto al risarcimento del danno nei confronti dei ragazzi. Si tratta, quindi, di una sentenza, come si dice, costituzionalmente orientata".


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo