venerdì 15 novembre 2019
18.10.2011 - Beatrice Baratto

Imperia, i sindacati di Polizia scendono in piazza per chiedere fondi per l'acquisto di carburante

Singolare protesta in piazza Dante. Il segretario provinciale del SIULP (il primo sindacato in Provincia e in Italia che accorpa le forze di polizia) Maurizio Mamino e Angela Bobice, segretaria regionale del medesimo sindacato, si sono intrattenuti con i giornalisti e la gente comune per spiegare le motivazioni della loro singolare iniziativa

Singolare protesta questa mattina con un codice da “allarme rosso” da parte dei sindacati della Polizia di Stato: SIULP, SAP, UGL, CONSAP che hanno voluto sensibilizzare l’opinione pubblica chiedendo una donazione per ricostruire i fondi per l’acquisto del carburante dei mezzi di servizio; proprio quelli che servono a tutelare, 24 ore su 24, la sicurezza della popolazione, la difesa e il soccorso pubblico.

Questa mattina in piazza Dante il segretario provinciale del SIULP (il primo sindacato in Provincia e in Italia che accorpa le forze di polizia) Maurizio Mamino e Angela Bobice, segretaria regionale del medesimo sindacato, si sono intrattenuti con i giornalisti e la gente comune per spiegare le motivazioni della loro iniziativa, offrendo a tutti una cedola come attestato simbolico quale titolare ad honorem di obbligazioni per la sicurezza, la legalità e lo sviluppo di questo paese, pregando di fare una donazione sui c/c intestati al Fondo Assistenza del Ministero dell’Interno.

La protesta è principalmente rivolta verso lo Stato, il Governo e le Istituzioni che hanno permesso di tagliare oltre 3 miliardi e mezzo di euro dei fondi necessari per garantire la sicurezza e l’incolumità della popolazione.

“Da ottobre fino a fine anno – spiega Mamino – saranno solo 12mila euro i fondi destinati al carburante per far viaggiare tutti i mezzi della Polizia di Stato di tutta la Liguria. Se pensiamo che solo la città di Ventimiglia spende 2mila euro al mese per la benzina, il rischio imminente è quello di bloccare le macchine e di non poter più tutelare neppure le richieste di emergenza. Purtroppo, nonostante sia da tempo che noi denunciamo questa grave problematica, né i politici locali, né i sindaci delle varie città della Liguria non sono intervenuti per appoggiarci o per esprimerci la loro solidarietà”.

Quello che chiedono gli appartenenti alla Polizia di Stato unitamente alla Polizia Penitenziaria, al Corpo Forestale dello Stato e ai Vigili dei Fuoco è una maggiore sensibilità e la possibilità, da parte di coloro che governano, di colpire gli sprechi senza tagliare i fondi indispensabili a garantire la democrazia e la coesione sociale.

Angela Bobice ha accompagnato il collega Mamino facendosi portavoce del malcontento a livello regionale e dichiara: “Questa manifestazione si svolge in contemporanea in tutte le città di Italia e a Roma davanti ai centri del potere. Le parole spesso sono destinate a cadere nel vuoto, ma io auspico che la gente si renda conto che se avesse nella propria abitazione o per un proprio congiunto un problema immediato di grave necessità, la polizia potrebbe non arrivare mai più”.

 Beatrice Baratto

(Foto di Massimo Vota)

 

Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo