domenica 20 ottobre 2019
08.06.2012 - BEATRICE BARATTO

Imperia: sgominata banda dedita ai furti in appartamento

Negli ultimi mesi nel comprensorio di Imperia si era registrata un’anomala ondata di furti in appartamento, commessi soprattutto nei confronti di abitazioni ubicate nelle zone rurali.

Per arginare tale fenomeno le pattuglie della Squadra Volante della Questura, in collaborazione ed in sinergia con il personale in servizio di Poliziotto di Quartiere coordinati e diretti dal Commissario Capo Massimiliano Migliaccio,  da tempo sono impegnate in servizi mirati alla prevenzione e repressione di tale crescente fenomeno criminale.

Tra gli elementi raccolti negli ultimi giorni era emersa la ricorrente presenza, apparentemente ingiustificata, di un’autovettura Toyota  Auris di colore grigio metallizzato nei pressi del centro commerciale “Centro Convenienza Esse” con a bordo quattro persone. Successivamente si è appurato che la macchina sostava in quel luogo al fine di verificare la presenza di eventuali pattuglie delle forze dell’ordine predisposte in posti di controllo presso l’ingresso del supermercato al fine di far ingresso indisturbati in città.

Ma ad attenderli ieri mattina vi erano gli equipaggi del Poliziotto di Quartiere e della Squadra Volante che sorprendendo gli occupanti della vettura alle spalle intimavano a questi l’ALT.

Invano il tentativo di fuga del veicolo prontamente incrociato e bloccato dall’equipaggio della volante.  

A questo punto dalla Toyota è subito sceso un uomo che, tenendo stretto al petto uno zaino, ha cominciato a correre cercando di scavalcare la recinzione metallica che delimita il parcheggio. Ma i poliziotti di quartiere sono stati più rapidi e l’hanno bloccato dopo qualche metro.

All’interno dello zaino erano nascosti attrezzi e materiali idonei ad introdursi in modo furtivo ed organizzato nelle abitazioni, in particolare sono stati trovati 3 marsupi corredati di radio ricetrasmittenti con auricolare, passamontagna di colore nero, guanti da lavoro, un piede di porco, un flessibile munito di apposita prolunga, diversi cacciaviti e chiavi per contatori, 2 fionde artigianali in legno con alcune pietre, utilizzate verosimilmente per verificare attraverso il lancio delle pietre verso i vetri la presenza di persone all’interno dell’abitazione presa di mira o rendere inservibili sistemi di allarme.

Gli Agenti hanno identificato i quattro, tutti zingari di etnia sinti che sono risultati fratelli fra di loro, di età compresa tra i trenta ed i quaranta anni, residenti a Cuneo e provincia e tutti già pregiudicati per reati contro il patrimonio.

Sono seguite, su delega dell’A.G., le perquisizioni locali all’interno dei domicili conosciuti alle quali hanno partecipato anche personale in servizio presso la locale Squadra Mobile e la DIGOS.

I quattro malviventi sono stati denunciati per possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere e muniti di foglio di via dal Comune di Imperia con divieto di ritorno per tre anni con provvedimento del Questore. 

 

Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo