sabato 18 novembre 2017
07.12.2012 - REDAZIONE

Operazione "La Svolta": anche gli interrogati di ieri hanno taciuto

Anche le audizioni di ieri, avvenute in rogatoria tra Savona, Imperia e Ventimiglia, non hanno "rivelato" particolari retroscena dopo il "boom" degli arresti mattutini di Lunedì mattina.

Gli arrestati continuano a trincerarsi dietro la "facoltà di non rispondere". Un mezzo loro concesso dal diritto processuale e quantomai necessario in questa prima fase dell'indagine, dove il "pool" dei loro Avvocati sta continuando a leggere e studiare le carte processuali predisposte dagli inquirenti (un faldone di circa 500 pagine lo ricordiamo, 498 per la precisione).

Ieri, sono stati sentiti: Vincenzo Marcianò (Avvocato Briozzo), Giuseppe Cosentino (Avvocato Noto) e Rosario Ambesi (Avvocato Di Giovanni); Maurizio e Roberto Pellegrino e Federico Paraschiva (Avvocato Marco Bosio); Annunziato Roldi (Avvocato Andrea Rovere) e Filippo Spirlì (ancora Avvocato Marco Bosio).

Tutti gli arrestati sono a vario titolo accusati di associazione a delinquere di stampo mafioso finalizzata ad usura, estorsione e traffico di droga.

Ma ora ci si interroga anche a Ponente su quali possano essere le sorti politiche di un Comune come Vallecrosia. Fino a poco tempo fa, isola felice tra due Comuni "commissariati" per condizionamenti mafiosi. 

Il fatto che il suo Sindaco Armando Biasi risulti nel registro degli indagati ha fatto subito pensare ad una "pratica" futura di Commissariamento. Ma per ora tutto pare molto prematuro. Lo stesso Biasi, si era dichiarato pronto a prendere le giuste decisioni qualora fosse emerso qualcosa di certo intorno al suo coinvolgimento nei fatti che hanno "terremotato" il ponente.

Non resta che attendere. Per ora un "corposo" fiume di intercettazioni e nulla più. Più avanti si potrà capire che peso possano avere in un ottica politica oltrechè "giudiziaria".

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo