mercoledì 23 ottobre 2019
13.10.2011 - redazione

Processo Boccalatte: l'autista Fasolo torna a casa

Il giudice monocratico del tribunale di Torino Fabrizia Pironti riduce la pena a 8 mesi di domiciliari per Giuseppe Fasolo che dopo la sentenza sta già tornando a casa

Secondo l'accusa Giuseppe Fasolo, insieme a Boccalatte e ad altre persone, avrebbe creato una sorta di ''società''' alla quale rivolgersi per risolvere le difficolta' di alcuni detenuti ''amici'' o di persone sottoposte a sorveglianza speciale o altre misure restrittive.

Il pubblico ministero di Torino, Marco Gianoglio, aveva chiesto una condanna a tre anni di carcere ma il giudice ha riconosciuto a Fasolo le attenuanti generiche. Il processo in particolare faceva riferimento a due episodi di millantato credito legati ai presunti favori promessi a Renato Saponaro, 54 anni, di Sanremo, detenuto e a Vito Laterza, anche lui detenuto.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo