mercoledì 13 novembre 2019
24.09.2011 - Marco Risi

Ventimiglia "Plantari stupefacenti" la finanza sequestra 260g di Hashish arrestato Marocchino di 35 Anni

Dopo aver controllato il mezzo di trasporto, i finanzieri invitavano gli occupanti ad abbandonare i propri posti per permettere il passaggio nel corridoio e tra i sedili alle unità cinofile antidroga. L’attenzione dei cani-finanziere, Pag e Zaffo, veniva attirata da un paio di pantofole abbandonate sotto un sedile, sul fondo dell’autobus.

I Finanzieri della Compagnia di Ventimiglia hanno arrestato un marocchino di 35 anni, sorpreso alla barriera autostradale di Ventimiglia mentre trasportava circa 300 grammi di hashish.

Nel corso dei controlli antidroga rivolti agli automobilisti e ai loro passeggeri in transito presso la barriera del confine italo-francese, veniva fermato per essere sottoposto a controllo un pulmann occupato da circa 40 persone, tutte di nazionalità marocchina, partito dallo stato africano e diretto in diversi capoluoghi italiani.

Dopo aver controllato il mezzo di trasporto, i finanzieri invitavano gli occupanti ad abbandonare i propri posti per permettere il passaggio nel corridoio e tra i sedili alle unità cinofile antidroga. L’attenzione dei cani-finanziere, Pag e Zaffo, veniva attirata da un paio di pantofole abbandonate sotto un sedile, sul fondo dell’autobus.

I militari, tuttavia, non avevano notato alcun oggetto sospetto nelle immediate vicinanze del punto in cui si trovavano le ciabatte. Si decideva, quindi, di individuarne il legittimo proprietario e di interpellarlo in merito all’eventuale possesso di sostanze stupefacenti.

Grazie alla collaborazione e alle dichiarazioni ufficialmente rese da una cittadina marocchina, anch’essa occupante del pulmann, e alla preziosa segnalazione dei cani antidroga, abili nel segnalare l’uomo tra tutti i viaggiatori schierati in fila fuori dal mezzo in attesa di riprendere il viaggio, veniva individuato l’illecito corriere, che nel frattempo, sperando di confondere l’operato dei finanzieri, aveva indossato un altro paio di ciabatte.

La successiva accurata ispezione delle pantofole permetteva di intravedere qualche segno di manomissione delle stesse ed i conseguenti maldestri tentativi di riparazione e di recupero.

Un taglio netto nella parte sottostante della suola permetteva il ritrovamento e la successiva estrazione di un plantare di hashish per ognuna delle due ciabatte. La quantità di sostanza stupefacente complessivamente sottoposta a sequestro ammontava a circa 300 grammi ed era pronta per essere immessa nul circuito dei traffici e dei mercati illeciti italiani, dove avrebbe fruttato dai 3.000 ai 5.000 Euro.

L’uomo marocchino, incensurato in Italia, è stato tratto in arresto ed accompagnato direttamente presso il tribunale di Sanremo, dove si è tenuta l’udienza di convalida, nella quale è stata disposta la misura della custodia cautelare in carcere presso l’istituto penitenziario di Sanremo – Valle Armea, in attesa di giudizio.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo