giovedì 15 novembre 2018
14.06.2012 - redazione

Imperia: la Cucina Bianca in vetrina dalla Fratelli Carli

Domani, venerdì 15 giugno, alle 17 al Museo dell'Olivo la presentazione della quarta edizione della "Sfida delle sette Cime", alle 19 in Emporio "Saperi e sapori della Cucina Bianca".

Il meraviglioso entroterra della Riviera dei Fiori ed in particolare l'arco alpino che divide la Liguria dal Piemonte e dalla Francia saranno il filo conduttore dei due appuntamenti previsti per domani, venerdì 15 giugno, alla Fratelli Carli di Imperia.

Alle ore 17, presso la sala ex-frantoio del Museo dell'Olivo, sarà presentata ufficialmente la quarta edizione del Seven Summits Challenge, impegnativa camminata in due giorni (7-8 luglio) alla conquista di sette delle cime più alte delle Alpi Marittime, in analogia a quanto realizzato negli socrsi anni dall'alpinista e uomo di avventura Lorenzo Gariano (che della "Sfida delle sette cime" è anche l'ideatore e promotore) nei vari continenti. L'iniziativa, organizzata dalla sezione di Imperia del Club Alpino Italiano e dall'Associazione Oltre, avrà come base di partenza Ormea ed arriverà ancora una volta a Monesi. Nell'occasione, oltre a tutti i dettagli del Challenge, saranno presentati i principali appuntamenti inseriti nel calendario del Cai di Imperia per l'estate 2012 e, da parte dell'Associazione Monesi Young, la terza edizione di un'altra impegnativa camminata, la Imperia-Monesi-Limone, fissata dal 18 al 21 agosto (quattro tappe).

Al termine dell'incontro sarà possibile degustare alcune specialità gastronomiche della Cucina Bianca (straordinario fenomeno di “cucina povera” nata per adattamento alle poche materie prime disponibili nei monti: cereali rustici, rape, ceci, patate, erbe selvatiche, funghi e castagne dei boschi ed il latte ottenuto dalle pecora di razza brigasca), preparate dalla chef dell’Albergo Ristorante Lorenzina di Coldinava.

Alle ore 19, presso l'attiguo Emporio Carli, è previsto “Saperi e sapori della Cucina Bianca”, corso-degustazione (ad iscrizione obbligatoria, costo 25 euro a persona) dedicato proprio alla riscoperta delle tradizioni dei paesi abbarbicati nelle valli al confine tra Ponente Ligure, la regione francese della Provenza-Alpi-Costa Azzurra e Piemonte.

Il compito di raccontare come un isolamento cercato per sfuggire alle razzie barbaresche, la magrezza dei suoli di montagna e la pastorizia transumante abbiano prodotto usi e costumi di matrice alpina a pochi km dal mare, spetterà dietro ai fornelli a Maria Cristina Bertora e, al microfono, all'esperto Giuliano Ferrari, profondo conoscitore delle tradizioni enogastronomiche locali e dell'entroterra ligure.


 

Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo