lunedì 18 novembre 2019
18.07.2012 - Giuseppe Picchianti

La Destra favorevole al referendum per abrogare l’indennità dei parlamentari

La Federazione Provinciale de "La Destra" invita iscritti e simpatizzanti ad andare a firmare per il referendum anti-casta che mira a tagliare le indennità dei parlamentari.

Con questo referendum –si legge nel comunicato stampa- si punta ad abrogare la Determinazione dell’indennità spettante ai membri del Parlamento ovvero l’articolo 2 della legge 1261 del 31 ottobre 1965. Stabilisce la norma: "Ai membri del Parlamento è corrisposta inoltre una diaria a titolo di rimborso delle spese di soggiorno a Roma. Gli Uffici di Presidenza delle due Camere ne determinano l’ammontare sulla base di 15 giorni di presenza per ogni mese ed in misura non superiore all’indennità di missione giornaliera prevista per i magistrati con funzioni di presidente di Sezione della Corte di cassazione ed equiparate; possono altresì stabilire le modalità per le ritenute da effettuarsi per ogni assenza dalle sedute dell’Assemblea e delle Commissioni".

In soldoni il risparmio per le casse dello Stato sarebbe in media di 48 mila euro a parlamentale per ogni anno di servizio. Un gruzzoletto che potrebbe essere impiegato per il popolo italiano invece che per i “soliti noti”.

Per poter passare, il referendum ha bisogno di 500.000 firme raccolte entro il 26 Luglio. E’ possibile firmare in ogni comune italiano; ad Imperia l’ufficio Elettorale del Comune è aperto dal lunedì al venerdì con orario 8.30-12.30, nelle giornate di lunedì e giovedì anche al pomeriggio dalle 15 alle 16.30. A Sanremo  presso l'ufficio elettorale di Piazza Eroi Sanremesi dal lunedì al venerdì 9.00 - 12.30; il  lunedì e mercoledì 15.00 - 16.30.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo