lunedì 23 ottobre 2017
26.01.2013 - REDAZIONE

La Destra "sigilla" la filiale imperiese dei Monte dei Paschi di Siena

Azione simbolica quella posta in essere ieri sera in Imperia dai militanti de "La Destra", il movimento politico di Francesco Storace.

Ieri sera i militanti imperiesi de “La Destra” di Storace hanno simbolicamente sigillato con del nastro da cantiere bianco e rosso l’ingresso della filiale della Monte dei Paschi di Siena in Via della Repubblica. Davanti alla banca è stato inoltre lasciato un grosso striscione con sopra scritto “prima il popolo, poi le banche!”

"Con questa iniziativa - commentano dalla Federazione de La Destra – abbiamo voluto denunciare la vergogna dei quasi 4 miliardi di euro di IMU “estorti” ai cittadini italiani da un governo che li ha poi utilizzati per salvare una banca amica come la MPS.

Il Governo Monti ha mentito agli italiani, spacciando l'IMU come tassa per ripianare il debito pubblico, e questa è solo la punta dell'Iceberg, dato che l'esecutivo tecnico ha versato al sistema bancario e finanziario decine di miliardi di euro. Le banche hanno in seguito utilizzato questi soldi non per fare credito a famiglie ed imprese ma per continuare a fare speculazione. E lo scandalo MPS lo dimostra!"

Monti, in quanto capo del Governo, e Bersani, dato che la Monte dei Paschi di Siena è una banca di riferimento del Pd che tramite l'amministrazione senese ne ha nominato i vertici, riferiscano in Parlamento di quanto accaduto invece di defilarsi.

C'è da chiedersi con che faccia questi signori, ed i loro candidati, andranno nelle piazze a chiedere voti ai cittadini.

Per La Destra la soluzione più opportuna da adottare è la nazionalizzazione della Banca d'Italia (oggi Bankitalia Spa, in mano ai principali gruppi bancari italiani tra cui MPS), che sotto il controllo dello Stato tornerà a fare il proprio lavoro, ovvero quello di garantire il credito e il risparmio al posto di fare speculazione.

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo