domenica 18 agosto 2019
15.03.2012 - Redazione

La nota di Indulgenza sugli ultimi sviluppi della vicenda imperiese

Pasquale Indulgenza, capo gruppo P.R.C. al comune di Imperia, si esprime sulla proroga avanzata alla Porto di Imperia spa

il comune di Imperia

Ponenteoggi riceve e pubblica la seguente nota di Pasquale Indulgenza, capo gruppo P.R.C. del Comune di Imperia

Riguardo alla notizia del diniego dell'Amministrazione Comunale alla richiesta di proroga avanzata dalla "Porto di Imperia" spa, attendiamo di poter conoscere il contenuto effettivo del provvedimento per esprimerci nel merito e valutare la cosa, come merita, in relazione agli sviluppi che sta avendo la drammatica      vicenda della portualità locale.
Ribadiamo ciò che preme al Gruppo del PRC, che da settimane andiamo richiedendo pubblicamente: si riunisca al più presto, in via d'urgenza, il Consiglio Comunale e discuta la situazione complessiva dell'Ente e della Città, che si è fatta eccezionalmente pesante. 
Per noi, questa esperienza amministrativa è da considerare esaurita, alla luce dell'estremo aggravarsi, in uno, di tutti i problemi di gestione del territorio. Occorre che coloro che la conducono e la sostengono ne prendano atto al più presto. 

Per noi, la realtà delle cose si è fatta trasparente: si tratta del fallimento storico, su tutta la linea, dell'indirizzo perseguito con pervicacia e arroganza dalla Destra locale pidiellina e leghista, che ha imposto, giovandosi di un        consenso enorme, per dodici anni, un modello di sviluppo del territorio e di governo locale che, iniquo e squilibrato nelle sue premesse, è risultato del tutto disastroso nei suoi esiti, con conseguenze che ora rischiano, nel pieno di una crisi generale devastante e di assurde politiche nazionali recessive, di essere pagate duramente dai settori della cittadinanza più deboli ed      esposti (fasce popolari, giovani inoccupati, realtà disagiate, ecc.). Questi esiti, oggi tristemente conosciuti a livello nazionale, sono sotto gli occhi di tutti gli Imperiesi. Siamo chiari e netti: la possibilità di fronteggiare credibilmente le        attuali, gravissime difficoltà in cui è stata messa Imperia passa necessariamente per l'allontanamento dal governo locale di questo ceto politico, perché c'è da pensare ad una rinascita della città il cui sviluppo - economico, turistico, culturale -  sia finalmente imperniato sulla qualità sociale, la salvaguardia dell'ambiente, la valorizzazione dei beni comuni, il primato del pubblico. E da qui passa anche la possibilità di dedicarci alle problematiche della portualità, rese gigantesche dagli errori e dalle responsabilità del suddetto ceto, come esse meritano.
Sono in gioco le vere, autentiche risorse della collettività imperiese, finora mortificate a vantaggio di logiche brutalmente privatistiche e affaristiche, per poter tornare a sperare. Non c'è alternativa.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo