giovedì 9 luglio 2020
22.02.2012 - Redazione

Regolamento dehors, si esprime il PD

Alla conclusione della seduta consiliare degli scorsi giorni a Imperia, il Pd espone la sua sintesi sull'approvazione del regolamento dehors

Il Comune di Imperia

Il gruppo Pd del Consiglio Comunale di Imperia commenta così l'approvazione del regolamento dehors:

In parte ci siamo riusciti e ritenevamo di doverlo alla nostra città. Ben sette importanti emendamenti modificativi proposti dal nostro gruppo sono stati recepiti dal consiglio comunale durante la discussione. Due tra questi ne modificano radicalmente l'impostazione e lo rendono finalmente fruibile.
Il primo prevede la fondamentale distinzione tra i dehors situati su aree pubbliche e quelli su aree private, eliminando situazioni paradossali.
Il secondo, vera innovazione di carattere generale, permetterà di predisporre protocolli d’attuazione al pari di quanto già avvenuto sull’area di Calata Cuneo. In poche parole su iniziativa del Comune o delle Associazioni di Categoria potranno essere infatti stilate delle linee guida che interessino aree cittadine definite (ad esempio il Parasio, o Piazza Dante, o qualsiasi altra porzione
significativa di territorio), tramite cui sarà possibile semplificare l’iter autorizzativo per il posizionamento dei dehors previsto dal regolamento iniziale.
Permangono, peraltro, aspetti di metodo e di merito che ci fanno ritenere che l’argomento avrebbe dovuto essere affrontato diversamente e con più cura all'articolato. Per esempio, non è stata approvata la nostra proposta di eliminare la fidejussione di 5000 euro a carico dei commercianti che vogliono installare un dehor, oppure quella di riferirsi esclusivamente alle aree pedonali nel computo del 50% della superficie delle piazze che è possibile occupare, con cui avremmo voluto evitare conseguenti macroscopici paradossi di inapplicabilità (vedi Piazza Dante, dove evidentemente il 50% dell'intera piazza va ben oltre il suolo disponibile per i dehors).
Alla luce di tutto ciò, nonostante il nostro giudizio fosse decisamente critico sul regolamento così come approdato in aula, abbiamo inteso riconoscere l'onestà intellettuale della maggioranza e della Giunta che hanno saputo fare retromarcia dalle loro posizioni per modificare sostanzialmente il documento, ed abbiamo dunque deciso di astenerci in sede di voto.
Probabilmente, fosse stata accolta la nostra proposta di un ultimo e scrupoloso passaggio di rilettura in commissione, avremmo avuto anche la serenità di arrivare ad un voto favorevole, ma in coscienza, vista la molteplicità degli emendamenti approvati e presentati anche dai gruppo di maggioranza (spesso tra loro pure contraddittori), non abbiamo inteso licenziare un regolamento che presenta ancora pesanti criticità.
La maggioranza granitica a cui eravamo abituati è “andata sotto” su una nostra mozione, e questo, al di là degli sterili atteggiamenti “partisan”, è invece a nostro avviso il positivo sintomo della grande vivacità di un Consiglio Comunale che, quando vuole, si riappropria del suo importante ruolo di rappresentanza democratica, liberandosi dalle posizioni preconcette e dagli eventuali diktat esterni che tanto danno han già provocato alla nostra comunità.
 

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo