giovedì 23 gennaio 2020
14.09.2012 - REDAZIONE

Rifondazione Comunista Imperia: al via la campagna referendaria

Comunicato Stampa

Il PRC di Imperia propone a IDV e SEL, promotrici a livello nazionale con il PRC della campagna, e alle realtà sindacali e di movimento, di costituire anche in provincia di Imperia, così come sta avvenendo in tanti territori, il comitato di sostegno ai quesiti referendari per ripristinare l’art.18 dello Statuto dei lavoratori e per abolire l’art. 8 della finanziaria di Berlusconi, al fine di restituire ai lavoratori le giuste garanzie di cui godevano ed alla contrattazione collettiva il suo carattere universale e vincolante.

Riteniamo che questa iniziativa democratica sia di grande rilevanza anche per il nostro contesto. Si tratta di riprendere a livello di massa la battaglia in difesa dei diritti dei lavoratori, massacrati in questi anni e in questi mesi da scelte governative filopadronali. Occorre rilanciare l’unità della sinistra in concreto su una battaglia fondamentale contro le politiche del governo Monti e le forze che lo sostengono.

Infatti le questioni in ballo si intrecciano con una crisi economica pesantissima che si sta scaricando quasi interamente sulle fasce più deboli della società, con un aumento insopportabile delle povertà, della disoccupazione e della precarietà: casse integrazioni, mobilità, licenziamenti, indebolimento del sistema produttivo e chiusura di aziende sono sempre più all’ordine del giorno.

Lo abbiamo detto e continuiamo a dirlo: insieme alle pesanti ricadute sul piano sociale causate dai tagli del governo a stato sociale, sanità e trasporti, si pone oggi in Italia una gigantesca questione del lavoro sempre più brutalmente sottomesso al ricatto occupazionale e all’insicurezza e alla privazione di diritti fondamentali sia individuali che collettivi.

Già i primi licenziamenti perpetrati grazie alla riforma Fornero, dicono chiaramente che le nuove norme sono usate per attaccare le avanguardie operaie e i lavoratori più sindacalizzati.

All’iniziativa referendaria in difesa dell’art. 18 e contro l’articolo 8 proponiamo di aggiungere la battaglia contro la recente riforma delle pensioni, al fine di costruire nel Paese un grande fronte politico e sociale unitario contro le politiche di austerità a senso unico del governo liberista diretto da Monti recessive e depressive che stanno aggravando la crisi drammaticamente accentuando le disuguaglianze.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo