mercoledì 1 aprile 2020
Sei in: Ponenteoggi » Imperia » Sport
20.11.2011 - ALESSANDRA CHIAPPORI

Duplice successo per la pallanuoto imperiese

Dopo la vittoria della maschile in A2, arriva anche il successo per la Mediterranea

Una giornata coronata dai successi quella di sabato 19 novembre. Prima la vittoria della Rari Nantes contro i ragazzi della Chiavari Nuoto, per 9-7, soddisfatto il coach Zoran Mustur che vede ancora margini di crescita per la squadra, e poi il “colpo grosso” della Mediterranea, che centra la qualificazioni ai quarti di coppa Len.

Una splendida vittoria quella delle giallorosse che sconfiggendo l’Izamailovo per 11-9 hanno conquistato in anticipo il passaggio del turno. Con una prestazione maiuscola, nella quale hanno saputo unire resistenza fisica, velocità nel nuoto, grandissima intelligenza tattica e un cuore ancora più grande, le ragazze della Mediterranea nella seconda partita del girone di Coppa Len hanno superato l’Izmailovo Skif Mosca per 11-9 e davanti a un pubblico in delirio si sono qualificate matematicamente per i quarti di finale della competizione continentale.

Che sarebbe stata una partita dalla rara intensità lo si era capito sin dalla prima azione, dalla difesa aggressiva delle russe e dalla grandissima determinazione della Mediterranea. Il primo urlo si è strozzato in gola, quando Giulia Emmolo si è fatta parare il primo penalty dopo soli 20 secondi di partita. Le prime battute hanno vissuto sulla sfida a distanza tra la Troshkina e la Pomeri. Due volte a bersaglio la russa, altrettante le segnature della giallorossa. Poi la Mediterranea ha accelerato ulteriormente. La Emmolo si è fatta perdonare dell’errore dai cinque metri infilando di potenza il 3-2 e, se la Pomeri si è fatta parare un altro penalty, è stata la Stieber a siglare il 4-2 del primo intervallo.

Nel secondo quarto la Mediterranea ha chiuso la difesa, accelerato ulteriormente il ritmo e provato la fuga con la Stieber, che ha segnato di prepotenza in superiorità numerica. La Emmolo finalmente ha sfatato il tabù dei rigori e dai cinque metri ha siglato il momentaneo 6-2. L’Izmailovo però ha provato a rientrare in partita con la Kuryatnikova. La settima rete imperiese è stata di Elisa casanova, incontenibile al limite dei due metri, ma la Troshkina ha approfittato di uno svarione difensivo imperiese e ha fissato il parziale di metà gara sul 7-4.

Il terzo tempo ha portato alla Mediterranea grandi sofferenze. La squadra moscovita è andata a bersaglio tre volte nel giro di 4 minuti e si è riportata in parità. Un’invenzione di Giulia Emmolo ha  interrotto i 10 minuti senza gol per la Mediterranea e ridato una lunghezza di margine all’Imperia. Mentre sulla scia dei tanti falli fischiati hanno cominciato a fioccare le esclusioni definitive, la Karpovich ha impattato ancora ma è stata la millimetrica palombella di Elisa Casanova, sulla sirena dell’ultimo intervallo, a lanciare di fatto la squadra di Marco Capanna verso i quarti di finale. L’ultimo periodo, iniziato quindi sul 9-8, è stato vissuto con il fiato in gola. Anaid Ralat ha sigla il duplice vantaggiosa a 200 secondi dalla fine ancora la Kuryatnikova ha riportato in scia l’Izmailovo. Una millimetrica fucilata di Merci Stieber dalla distanza e una difesa attentissima ed organizzata hanno blindato l’11-9 che è valsa la qualificazione matematica con una partita di anticipo. La Cascione ha potuto così urlare tutta la gioia per un nuovo traguardo storico conquistato dalla sua Mediterranea.

“E la Coppa – si affretta a commentare Marco Capanna – non finisce qui. C’è da conquistare un primo posto nel girone e poi ci saranno i quarti di finale. Saranno un ulteriore aggravio di impegni ma veder lottare le mie atlete in questo modo è uno spettacolo impagabile. Covavamo la voglia di rivincita da un anno, da quando l’Izmailovo ci aveva eliminato in Olanda e ci aveva anche deriso al termine dell’incontro. Abbiamo dimostrato che non saremo la squadra più forte ma siamo senza dubbio quella che ha qualcosa in più:il cuore e la voglia di lavorare e crescere, la voglia di vincere anche quando si è sempre considerati come la compagine più scarsa”.

Domenica, il programma prevede alle 10 la partita Izmailovo Skif Mosca-London Otter e alle 11,45 l’attesissima Mediterranea-Olympiakos Pireo.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo