mercoledì 1 aprile 2020
Sei in: Ponenteoggi » Imperia » Sport
24.11.2011 - A.Chiappori

Pallanuoto Imperia: intervista a Francesca Pomeri

Classe 1993, attualmente in forza alla Mediterranea di Imperia, la giovane atleta è stata convocata in Nazionale

IMPERIA. Francesca Pomeri è nata il 18 febbraio 1993 a Osimo, un città vicino ad Ancona, ma è cresciuta a Filottrano una cittadina ancor più piccola che non raggiunge i 10mila abitanti. Dopo 6 anni di ginnastica artistica ha iniziato a giocare a pallanuoto nella piscina di Osimo, allenata dai tecnici Giacomo Bianchi e Lorenzo Bartolo.

Dopo un paio di anni ha ricevuto le prime convocazioni nella Nazionale giovanile dove ha incontrato per la prima volta Giulia Emmolo e Giulia Gorlero. La giovanissima centroboa, ma come si definisce lei “non solo un centroboa, ma anche un difensore, forse”, attualmente in forza alla Mediterranea Imperia, è stata convocata nella Nazionale maggiore del CT Fabio Conti con la quale ha conquistato l’argento in World League a Tianjin e il quarto posto ai Mondiali di Shanghai.

Dice di lei Marco Capanna: “l'avevo vista anni fa a un torneo giovanile in Grecia. Le ragazze che si erano allenate con lei spingevano molto affinché la contattassi e 3 anni fa, appena avuta l'occasione, siamo riusciti a portarla ad Imperia. Sin dal primo incontro, di lei mi hanno colpito subito la sua sincerità e genuinità, le stesse che ritrovo ancora oggi. È una persona splendida, atleta seria che dà sempre il 110%, con una famiglia squisita alle spalle. Ha potenzialità enormi e cresce di settimana in settimana anche come personalità. Difficile trovarle un difetto: se trova continuità nell'osare può diventare incontenibile e sono sicuro che, viste le doti tecniche che possiede, si divertirà sempre di più, raggiungendo ogni giorno traguardi nuovi. Sono lusingato di lavorare con lei, che è amatissima dalle altre ragazze e lotta per questa calotta con tutto il cuore. Le auguro una carriera piena di soddisfazioni e spero un giorno di poterla abbracciare in occasione di una importante vittoria insieme”.

-Ma da Osimo come sei finita ad Imperia?

 Nelle Nazionali giovanili ho conosciuto Giulia Emmolo e Giulia Gorlero, ma ero troppo giovane ed inesperta per attirare l’attenzione. Ad Osimo avevo già cominciato a frequentare Ragioneria poi a 16 anni, dopo che Gloria Gorlero mi aveva notata ad un collegiale, mi ha segnalata a Marco Capanna ed eccomi qui.

-Come ti trovi?

Imperia mi è piaciuta subito. Ormai mi sono perfettamente integrata e frequento la classe quinta del Ruffini di Imperia. Mi piacciono il mare, il clima mite e la tranquillità che c'è nonostante sia più grande del mio paesino. Mi piace un sacco la focaccia a colazione e ancora non ho avuto tempo di capire bene cosa non mi piace di Imperia, forse non mi piace partire all'inizio dell'estate per tornarci quando è già finita! Del mio paese di origine mi mancano la cucina della mamma, i miei fratelli e il clima rigido invernale fuori mentre io sono al calduccio davanti al camino.

-Quindi sei lontana dalla tua famiglia. Dove e con chi vivi qui ad Imperia? Quando riesci a tornare a casa?

Per motivi di forza maggiore la mia famiglia è rimasta a casa. Li vedo ogni tanto quando ho qualche giorno libero e torno da loro. Quando sono a casa è sempre come se fosse un giorno di festa. Ad Imperia è il secondo anno che vivo con la mia compagna di squadra Elena Russo e mi trovo benissimo.

-So che hai due fratelli, una più piccolo di 6 anni, l'altro più grande di 4. Anche loro “bazzicano” le piscine?

No, l'unica che è "caduta" in acqua sono io. Mio fratello più piccolo è un calciatore, quello maggiore un “tuttofare”: calcio, pallavolo, bici, ma gli piace anche lo snowboard.

-A scuole tutte le mattine, poi gli allenamenti, le partite e lo studio. Come fai a conciliare tutto? Cosa ti piace fare nel tuo pochissimo tempo libero?

Mi piace la giornata piena, riesco ad organizzarmi e a ritagliare del tempo da dedicare al fidanzato o allo shopping.

-Cosa vuoi fare da grande?

Il mio sogno da quando ero piccola è di lavorare in banca, ora le cose sono un po’ cambiate, ma prima devo pensare a finire la scuola.

-Ad Imperia hai accanto giocatrici di grande esperienza e carisma. Qual è, se c’è, il tuo esempio da seguire e quante e quali cose hai imparato o stai imparando da loro?

Non ho un modello da seguire ma cerco di prendere qualcosa da ognuna di loro, da quelle con più esperienza a quelle con più carattere. Vorrei interiorizzare le cose migliori, che riguardano il fuori e il dentro l'acqua.

-La Mediterranea e Francesca Pomeri dove vogliono arrivare insieme?

Bisogna puntare al massimo obiettivo quest'anno con la squadra, sia in campionato sia in Coppa Len.

-Se un giorno, molto lontano, il tuo matrimonio con Imperia dovesse finire, dove ti piacerebbe andare a giocare?

Non conosco molto le altre società e l'esperienza imperiese per ora è bellissima. Sarà difficile trovare un altro posto da paragonare ad Imperia. Per ora spero di rimanere qui il più a lungo possibile, finché mi vorranno.

-Fai un in bocca al lupo speciale a Marco Capanna e alle tue compagne…

"Non importa quando è dura la salita... è importante come fai il primo passo!"

 

Foto di Marco Bazzano

 

Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo